Concorso 1000 Operatori Giustizia: le domande frequenti. FAQ Raccolte le domande più frequenti

 

Condividi

concorso-1000-operatori-giustizia-bando

4 min di lettura

Concorso 1000 Operatori Giustizia: le domande frequenti. FAQ. Dopo la pubblicazione del bando di concorso 1000 operatori Ministero giustizia, abbiamo deciso di pubblicare un articolo di domande frequenti per chiarire i principali dubbi che continuano ad arrivare in redazione. Il bando di concorso, per nuove assunzioni 2020 a tempo determinato, prevede specifici requisiti per partecipare ed è aperto a tutti coloro che abbiano la licenza media. Vediamo le risposte alle domande più frequenti.

Chi si assume?

Verranno assunte 1000 unità di personale non dirigenziale, a tempo determinato della durata di 24 mesi, per il profilo di operatore giudiziario, area funzionale seconda, fascia economica F1, nei ruoli del personale del Ministero della giustizia – Amministrazione giudiziaria, ad eccezione della Regione Valle d’Aosta. Quindi, i nuovi operatori saranno smistati in tutte le regioni (tranne la Valle d’Aosta).

Perché a tempo determinato?

La procedura viene avviata «al fine di dare attuazione ad un programma di misure straordinarie per la celere definizione e per il contenimento della durata dei procedimenti giudiziari pendenti nonché per assicurare l’avvio della digitalizzazione del processo penale».

Cosa occorre per partecipare?

Per partecipare, si richiede il possesso di diploma di istruzione secondaria di primo grado (licenza media) e uno tra seguenti titoli.

– avere completato il periodo di perfezionamento presso l’Ufficio per il processo ai sensi del comma 1 -bis dell’art. 50 del decretolegge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114;
– avere completato il tirocinio formativo di cui all’art. 37, comma 11, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, e successive modificazioni, nel caso in cui non si sia fatto parte dell’Ufficio per il processo;
– avere svolto, con esito positivo, il tirocinio ai sensi dell’art. 73 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, attestato ai sensi del comma 11 del suddetto articolo;
– avere svolto, per almeno un anno, attività di tirocinio e collaborazione presso gli Uffici giudiziari, attestate dai Capi degli Uffici medesimi, diversa da quelle indicate nei due punti precedenti;
– essere stati, quali volontari in ferma breve e ferma prefissata delle Forze armate, congedati senza demerito o nel corso di ulteriore rafferma;
– avere completato senza demerito, quali ufficiali di complemento in ferma biennale e ufficiali in ferma prefissata, la ferma contratta.

Conta il titolo di laurea?

Tecnicamente no, in quanto la selezione è aperta a chi ha il diploma di scuola secondaria di primo grado (terza media). Dunque,se sei laureato e hai uno dei requisiti aggiuntivi richiesti dal bando, puoi partecipare.

Come fare domanda?

Tramite il sito del Ministero della giustizia, pagina dedicata ai concorsi e selezioni. Pagina di registrazione e form di domanda sono disponibili a questo indirizzo.

La selezione sarà gestita dai Centri per l’impiego?

No, sarà gestita direttamente dal Ministero della giustizia.

Cosa prevede la selezione?

La selezione si svolge per titoli e colloquio. Il punteggio complessivo attribuibile è pari a 44 punti così suddivisi:

  • titoli: massimo 24 punti;
  • colloquio: massimo 20 punti.

Il bando specifica la soglia di punteggi attribuibili ai singoli titoli per superare la selezione. Vengono considerati, oltre ai tirocini elencati tra i requisiti, anche certificazioni informatiche (ECDL) e linguistiche (almeno B2).

Come sono attribuiti i punteggi?

Vengono attribuiti dei punti a ciascun titolo per l’accesso. In particolare:

– periodo di perfezionamento presso l’Ufficio per il processo 21 punti;
– tirocinio formativo di cui all’art. 37, comma 11, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 17 punti;
– tirocinio ai sensi dell’art. 73 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69 13 punti;
– attività di tirocinio e collaborazione presso gli Uffici giudiziari 9 punti;
– essere stati, quali volontari in ferma breve e ferma prefissata delle Forze armate 5 punti;
– avere completato senza demerito, quali ufficiali di complemento in ferma biennale e ufficiali in ferma prefissata, la ferma contratta, 2 punti.

Chi parteciperà alla prova orale?

È ammesso a sostenere il colloquio di idoneità, sulla sola base della posizione occupata nella graduatoria preliminare, un numero di candidati pari a tre volte il numero dei posti messi a concorso. Quindi il colloquio lo sosterranno in 3000 persone al massimo.

Su cosa verterà il colloquio?

Verterà sugli argomenti di base indicati dall’art. 6 del bando (consultabile QUI).

 

Ricevi tutti gli aggiornamenti sulle pubblicazioni d'interesse


Se hai suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivi a blog.simoneconcorsi@simone.it