Concorso avvocato: due posti alla Regione Lombardia Un bando da due posti dalla Giunta regionale

 

Condividi

concorsi-avvocati-2021-bandi

2 min di lettura

Concorso avvocato: due posti alla Regione Lombardia. Nuovi concorsi per avvocati in Lombardia. Nuove assunzioni in Lombardia per laureati con abilitazione alla professione forense. Nella Gazzetta ufficiale concorsi del 15 gennaio è stato pubblicato un bando per avvocati da parte della Giunta regionale. Ad essere assunte saranno due figure professionali che si occuperanno del contenzioso e degli affari legali regionali.

La Regione Lombardia ha pubblicato anche altri due bandi di concorso per diplomati e laureati. Per approfondire leggi questo articolo.

Concorso avvocati in Lombardia: requisiti

Per partecipare al concorso avvocati in Lombardia occorre essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio, secondo la classificazione del MIUR:

  • Laurea specialistica in Giurisprudenza (22/S) ex D.M. 509/1999
  • Laurea magistrale in Giurisprudenza (LMG/01) ex D.M. n. 270/2004
  • Laurea secondo il vecchio ordinamento Diploma di Laurea in Giurisprudenza (DL)

Inoltre è necessaria l’abilitazione all’esercizio della professione di Avvocato (non iscrizione all’albo professionale).

Le domande potranno essere inviate entro il 15 febbraio tramite il sito www.bandi.regione.lombardia.it previo pagamento di una tassa di concorso di 10,00 euro.

Concorsi avvocati: le prove

Il bando per diplomati da 13 posti senior prevede le seguenti prove:

a) un’eventuale prova preselettiva che la Giunta Regionale si riserva di svolgere qualora il numero dei candidati che abbiano presentato domanda di partecipazione al concorso sia superiore a 200 e che verterà sulle materie d’esame e le caratteristiche psico-attitudinali possedute dal candidato;
b) due prove selettive scritte;
c) una prova selettiva orale.

Scarica il bando di concorso Lombardia per avvocati

Concorso avvocato Regione Lombardia: cosa studiare

Programma della prova scritta

La Commissione, in relazione al numero dei candidati, potrà determinare che la prima prova scritta consista in un elaborato scritto oppure in quesiti a risposta sintetica su una o più delle seguenti materie:

  • diritto costituzionale;
  • diritto amministrativo;
  • diritto civile;
  • diritto penale;
  • diritto tributario;
  • diritto processuale amministrativo;
  • procedura civile;
  • procedura penale.

La seconda prova scritta consisterà nella redazione di un atto defensionale su una o più delle materie indicate con riferimento alla prima prova scritta.

La prova orale, che i candidati saranno tenuti a sostenere, eventualmente anche mediante il ricorso a strumenti telematici, verterà, oltre che sulle materie previste per le prove scritte, anche sui seguenti argomenti:

  • codice dei contratti pubblici;
  • normativa in materia di trattamento e protezione dei dati personali;
  • normativa in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza;
  • disciplina del rapporto di lavoro dei pubblici dipendenti;
  • deontologia forense;
  • inglese;
  • informatica.
 

    Ricevi tutti gli aggiornamenti sulle pubblicazioni d'interesse


    Se hai suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivi a blog.simoneconcorsi@simone.it