Concorso Regione Campania 2019: consigli sulla prova preselettiva Cosa studiare? Come? Alcune domande e risposte sulle preselettive

 

Al calcio d’inizio le prove preselettive previste per il Concorso Regione Campania 2019 che hanno avuto il via oggi alla Mostra d’Oltremare di Napoli e che dureranno quasi un mese. A partecipare alle selezioni per il Piano Lavoro 2019, almeno sulla carta, saranno gli oltre 303.000 candidati che proveranno a contendersi un posto di lavoro presso uno dei diversi enti locali della Regione. Il concorso bandito dalla Commissione RIPAM-Formez mira a ricoprire un totale di 2.175 posti di lavoro totali che saranno smistati tra i diversi profili professionali elencati nel bando di concorso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Numericamente sono state presentate molte più domande da candidati diplomati che laureati (oltre un milione per i diplomati contro le 185mila dei laureati) provenienti dalle diverse regioni d’Italia.

Concorso Regione Campania 2019: la preselettiva

Per tutti i profili professionali messi a concorso è previsto il superamento di una identica prova preselettiva che consiste in un test con 80 quesiti a risposta multipla di cui:

50 test attitudinali di logica per la verifica della capacità logico-deduttiva, di ragionamento logico-matematico e critico verbale;

30 quiz diretti a verificare la conoscenza delle seguenti materie: Diritto costituzionale con particolare riferimento al Titolo V della Costituzione; Diritto amministrativo con particolare riferimento alla normativa in materia di accesso, trasparenza e anticorruzione, disciplina del Lavoro pubblico, Diritto regionale e degli enti locali e con particolare riferimento a Statuto e ordinamento della Regione Campania, Geografia politica ed economica della Regione Campania.

Concorso Regione Campania 2019: come prepararsi

La preparazione al concorso Regione Campania riguarda quindi sia la logica che le materie richieste dal bando che vanno dal diritto alla geografia.  

Vediamo nel dettaglio cosa è consigliabile per prepararsi sulla logica:

 

Non solo quiz, occorre studiare

 Ciò che è necessario approfondire è proprio il meccanismo di risoluzione dei quiz che – a differenza di quanto pensano molti aspiranti al posto – non è da rinvenire direttamente nei quiz, ma nella teoriaUtilizzare un eserciziario o un simulatore non basta: è opportuno studiare e approfondire i diversi tipi di quesiti sulla base di un solido studio teorico che spieghi i passaggi, il modo in cui ragionare e – soprattutto – se esistono delle “scappatoie” per risolvere quel genere di quiz nel minor tempo possibile

Attenzione ai quiz grammaticali.

Anche se i quiz grammaticali non dovrebbero essere inseriti nella “logica”, ci arrivano segnalazioni di quiz – somministrati nelle prove già svolte – che riguardano la grammatica e la sintassi. Per ovviare a questo problema, i quiz grammaticali del tipo di quelli già usciti sono stati aggiunti tra le risorse online del nostro volume 350 – Concorso Regione Campania – Nuovi quiz di logica RIPAM per la prova preselettiva. Il software contiene molte domande simili a quelle – inaspettate – delle serie grammaticali già analizzate. 

.Occhio al numero delle risposte errate.

Dal momento che le risposte errate risultano avere come conseguenza una diminuzione di punteggio (risposta errata: – 0,33 punti) sarebbe opportuno valutare per bene le risposte da dare. Potrebbe essere un’idea quella di tralasciare completamente le domande che – secondo il vostro giudizio – potrebbero essere particolarmente complesse o che richiedono un particolare tipo di studio o analisi (ad esempio interpretazione di una quantità di dati eccessiva rispetto al minuto di tempo a domanda);

Capire bene come gestire il tempo è fondamentale.

Non è opportuno dedicare troppi minuti ad una domanda e troppo pochi ad un’altra. Bisognerebbe partire prima con le domande a cui si sa dare una risposta certa e poi, con il passare dei minuti, focalizzare l’attenzione sui quesiti che risultano essere problematici da risolvere. 

 

E per le restanti materie?

Occorre studiare. Il tempo è tiranno le risposte alle domande che vengono poste in sede di esame si trovano proprio sui manuali. Infatti, le diverse domande di diritto costituzionale e amministrativo riprendono degli argomenti che abbiamo proposto nei libri di preparazione. Ad esempio, ci sono arrivate segnalazioni di molte domande sulla L. 241/90 sul procedimento amministrativo che è decisamente approfondito sui nostri testi di studio nonché sul Titolo V della Costituzione, anch’esso trattato in modo esaustivo. Bisogna ricordare che i soli quiz non bastano: per avere un buon risultato ad una preselettiva come questa del concorso Regione Campania 2019 è necessario un solido studio teorico. Lo svolgimento di quiz mirati può essere utile in una fase successiva, per ripasso e sostegno mnemonico, ma è fondamentale approfondire i concetti con lo studio.

 

Ricevi tutti gli aggiornamenti su questo articolo


Se hai suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivi a blog.simoneconcorsi@simone.it