Concorso giornalisti RAI 2019: pubblicato bando per 90 posti Vuoi diventare un giornalista? Ecco il bando RAI

 

Condividi

3 min di lettura

La Rai Radiotelevisione Italiana S.p.A. ha indetto una procedura di selezione per titoli e prove volta ad individuare 90 Giornalisti Professionisti da utilizzare in qualità di redattore con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato finalizzato, in caso di positivo inserimento in Azienda, alla successiva assunzione a tempo indeterminato. Le risorse saranno assegnate alle redazioni giornalistiche delle sedi aziendali ubicate nelle regioni/province autonome secondo la ripartizione territoriale indicata dal bando di concorso reperibile sul sito www.lavoraconnoi.rai.it. Saranno formate delle graduatorie regionali da cui attingere i nominativi delle risorse per le assunzioni.

Concorso RAI 2019: requisiti

La selezione è riservata a coloro che sono in possesso dell’iscrizione all’Albo dei Giornalisti elenco Professionisti, secondo le modalità previste dalla normativa vigente. Inoltre, dal momento che il concorso è regionale, ogni candidato dovrà indicare nella domanda di partecipazione la regione o la provincia autonoma per la quale intende concorrere. Non è ammessa più di una candidatura.  La domanda di ammissione deve essere presentata entro le ore 12.00 del 28 ottobre 2019 esclusivamente attraverso la compilazione del form on line accessibile all’indirizzo www.lavoraconnoi.rai.it nell’area riservata all’iniziativa “SELEZIONE GIORNALISTI PROFESSIONISTI 2019”. La domanda deve essere corredata di CV, copia del tesserino/certificato di iscrizione all’albo dei giornalisti professionisti e copia dei documenti attestanti i titoli posseduti e dichiarati.

Concorso RAI 2019: prove

Il concorso prevede lo svolgimento di una prova preselettiva e una serie di prove successive scritte e orali. In particolare, la prova preselettiva verterà su un test scritto a risposta multipla diretto a verificare il livello di conoscenza su tematiche attinenti la cultura generale e l’attualità (con riguardo all’ordinamento dello Stato, alle norme sulla stampa e sul sistema radiotelevisivo, alla tutela della privacy, alla deontologia, al contratto nazionale di lavoro giornalistico, al giornalismo radiotelevisivo e cross mediale), sulla specifica realtà territoriale per la quale si concorre e su nozioni di lingua inglese.

La selezione proseguirà con prove individuali, che si svolgeranno nell’arco della medesima giornata come specificate di seguito:

  • redazione di un testo giornalistico con preassemblaggio delle immagini destinato alla TV su un argomento a carattere regionale scelto dalla Commissione;

  • redazione di un testo giornalistico con preassemblaggio audio destinato alla Radio su un argomento a carattere regionale, diverso dal precedente, scelto dalla Commissione;

  • organizzazione di un progetto cross mediale;

  • improvvisazione, in video, su un tema di attualità su un argomento a scelta del candidato tra quelli proposti dalla Commissione, con supporto di flusso di immagini; lettura in video del testo per la TV; lettura del testo destinato alla Radio.

 

Inoltre, si richiede lo svolgimento di:

  • test e colloquio di valutazione della conoscenza della lingua inglese; si specifica che per i candidati della Valle d’Aosta anziché la lingua inglese verrà valutata la lingua francese, per i candidati della Provincia Autonoma di Bolzano anziché la lingua inglese verrà valutata la lingua tedesca;

  • colloquio conoscitivo e di orientamento, con valutazione anche del curriculum vitae.

 

Ricevi tutti gli aggiornamenti sulle pubblicazioni d'interesse


Se hai suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivi a blog.simoneconcorsi@simone.it