Concorso 95 posti da Funzionario giuridico pedagogico nel Ministero della giustizia: ecco il bando Nuova opportunità per laureati al Ministero

 

Condividi

concorso funzionario giuridico pedagogico

3 min di lettura

Concorso Ministero della giustizia 2020: pubblicato bando per 95 posti da Funzionario giuridico pedagogicio. Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, aveva già annunciato un nuovo bando di concorso per educatori penitenziari. Le nuove assunzioni 2020 si rendono necessarie per la forte carenza di organico che riguarda il personale negli istituti penitenziari. Non a caso, ricordiamolo, è stato bandito anche un altro concorso qualche giorno fa da dirigente di istituto penitenziario.

Sul sito web del Ministero della giustizia è stato pubblicato il bando per 95 posti a tempo indeterminato per il profilo professionale di Funzionario della professionalità giuridico – pedagogica, III Area funzionale, fascia retributiva F1, nei ruoli del personale del Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.

Chi è e cosa fa il funzionario giuridico pedagogico

La figura professionale del funzionario giuridico pedagogico accompagna i detenuti durante il percorso riabilitativo finalizzato alla rieducazione connessa alla pena (art. 27 Cost). E’ compito del funzionario giuridico pedagogico intervenire sulle lacune sociali, educative, fisiche che possano pregiudicare un corretto inserimento e reinserimento sociale. L’attività si indirizza tanto alla vita di relazione in carcere quanto ai rapporti esterni che saranno coltivati in un secondo momento.

Risulta cruciale l’osservazione dei comportamenti e degli atteggiamenti umani, sia singolarmente che in gruppo. Tramite le attività di colloquio si potrà mettere in pratica l’attività formativa indirizzata ai destinatari dell’azione.

Requisiti: chi potrà partecipare

Per partecipare al nuovo concorso si richiede un titolo di laurea indicato tra i seguenti:

  • ex diploma di laurea: Scienze dell’educazione e della formazione, Giurisprudenza, Psicologia, Sociologia;
  • laurea triennale (L): L-19 Scienze dell’educazione e della formazione, L-14 Scienze dei servizi giuridici, L-24 Scienze e tecniche psicologiche; L-40 Sociologia;
  • laurea magistrale (LM): LM-50 Programmazione e gestione dei servizi educativi e formativi, LM-57 Scienze dell’educazione degli adulti e della formazione continua, LM-85 Scienze pedagogiche, LM-93 Teorie e metodologie dell’e-learning e della media education, LMG/01 Giurisprudenza, LM-51 Psicologia, LM-88 Sociologia e Ricerca Sociale;
  • laurea specialistica (LS): 56/S Programmazione e gestione dei servizi educativi e formativi, 65/S Scienze dell’Educazione degli Adulti e della Formazione Continua, 87/S Scienze pedagogiche, 22/S Giurisprudenza, 102/S Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica, 58/S Psicologia, 89/S Sociologia, 49/S Metodi per la ricerca empirica nelle scienze sociali; ovvero titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente

Come fare domanda

Alla pagina seguente ti sarà possibile presentare la domanda di partecipazione.

Per farlo, avrai tempo fino al 29 giugno 2020.

Concorso funzionario giuridico pedagogico 2020: prove

Nel caso in cui dovesse essere superato un certo numero di domande presentate (1.000) si terrà una prova preselettiva che verterà su cultura generale e sulle materie delle prove seguenti.

Il concorso prevede due prove scritte ed una orale.

Le prove scritte del concorso funzionario giuridico pedagogico riguardano:

  • Ordinamento penitenziario con particolare riferimento alla organizzazione degli Istituti e dei servizi penitenziari ed agli aspetti penali concernenti l’esecuzione delle pene, delle misure di sicurezza e delle misure alternative alla detenzione.
  • Pedagogia con particolare riferimento agli interventi relativi all’osservazione ed al trattamento dei detenuti e degli internati.

La prova orale invece riguarda le materie oggetto delle prove scritte in aggiunta a:

  • Elementi di diritto Costituzionale ed Amministrativo con particolare riferimento al pubblico impiego;
  • Elementi di psicologia e sociologia del disadattamento
  • Elementi di criminologia
  • Elementi di Scienza dell’Organizzazione

La prova orale comprenderà anche l’accertamento della conoscenza della lingua straniera prescelta e delle capacità e attitudini all’uso di apparecchiature e applicazioni informatiche.

Come preparare il Concorso Ministero della giustizia

 

Consulta il bando qui

 

 

Ricevi tutti gli aggiornamenti sulle pubblicazioni d'interesse


Se hai suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivi a blog.simoneconcorsi@simone.it