Partecipare ad un concorso pubblico: come fare domanda Come inviare la candidatura in un concorso pubblico

 

Condividi

5 min di lettura

Uno dei dubbi più ricorrenti di quando si partecipa ad un concorso pubblico riguarda proprio l’invio della domanda di partecipazione, ossia della candidatura. E’ proprio tramite la candidatura che si manifesta la propria volontà a partecipare ad una selezione pubblica e la procedura, spesso diversa, può essere più o meno complessa. Ciò dipende, ad esempio, dall’eventualità che l’amministrazione che ha indetto il concorso pubblico richieda un account SPID oppure una PEC per l’invio delle comunicazioni ufficiali. Può essere utile vedere, in linea generale, come si invia una domanda di partecipazione ad un concorso pubblico. Cosa occorre e come si partecipa?

 

Guida ai concorsi pubblici: cosa occorre per presentare la domanda

Ogni bando di concorso precisa le modalità che devono essere osservate per compilare una domanda di partecipazione. Generalmente, per compilare la domanda di partecipazione ad un concorso pubblico ti servirà:

  • indirizzo email
  • dispositivo abilitato alla connessione ad Internet (meglio se computer)
  • stampante o un amico che stampi per te
  • documenti di riconoscimento

In alcuni concorsi potrebbe essere richiesto, in aggiunta:

  • account SPID;
  • indirizzo di posta elettronica certificata (PEC);
  • il pagamento di una tassa di concorso ad importo variabile e, in questo caso, ti servirà una ricevuta di pagamento (di bollettino postale o bonifico bancario.

 

Guida ai concorsi pubblici: come fare domanda 

Generalmente, una domanda di partecipazione al concorso si svolge in due distinte fasi:

  1. la prima è la fase di registrazione;
  2. la seconda riguarda invece l’inoltro della propria candidatura per il profilo prescelto.

Come prima cosa, occorre registrarsi alla “Registrazione”. La registrazione comporta l’inserimento e la conferma di una serie di dati anagrafici e identificativi (tra cui il codice fiscale) che saranno necessari per una corretta esecuzione della procedura. Potrebbero essere richiesti anche gli estremi del documento di riconoscimento come carta d’identità in corso di validità, passaporto o patente di guida. Dopo aver acconsentito al trattamento dei propri dati personali e completato la registrazione, il sistema invierà in automatico all’indirizzo email indicato una comunicazione che consentirà di attivare il profilo utente.

Con la sola registrazione non si può partecipare al concorso. Dopo aver effettuato il primo login, potrebbe verificarsi la necessità di modificare la password richiesta al primo accesso alla piattaforma.

Per procedere con la compilazione della domanda si dovrà cliccare sul concorso che interessa (ad es. Corso concorso pubblico, Categoria giuridica D, posizione economica D1; Corso concorso pubblico, Categoria giuridica C, posizione economica C1) e quindi cliccare sul pulsante “Compila domanda” del codice di concorso/profilo di interesse.

Quasi tutti i bandi per concorsi pubblici richiedono, una volta compilata ed inviata la domanda, una stampa cartacea del file che verrà generato dal sistema (cd. ricevuta) e che dovrà essere portata con sé il giorno delle prime prove utili del concorso (ad es. prove preselettive).

Guida ai concorsi pubblici: fare domanda con SPID

Alcuni concorsi pubblici (come ad esempio quelli banditi dal Ministero dell’Interno per le Forze armate o per l’accesso alla carriera prefettizia) richiedono l’utilizzo di credenziali SPID. L’account SPID, per chi non lo sapesse, consente di associare la propria identità ad un’identità digitale per usufruire di una serie di servizi forniti dalla Pubblica amministrazione. Abbiamo già spiegato in passato cos’è un account SPID e come si ottiene, ma dobbiamo vedere adesso come si utilizza per partecipare ad un concorso pubblico.

Il servizio SPID, per l’accesso ad un servizio reso dalla PA, richiede necessariamente l’inserimento di password oppure di altro strumento necessario all’identificazione (come ad esempio il tocco con impronta digitale associato all’applicazione dell’utente oppure lo scanner facciale del dispositivo che permettono di riconoscere l’utente che deve registrarsi.

 

Concorsi RIPAM: come registrarsi Ripam Cloud “Step-One”

Per presentare la propria domanda occorre, come primo passaggio, collegarsi al nuovo sistema “Step-One 2019” accessibile sul sito ripam.cloudStep One 2019 è il sistema per presentare la candidatura, esclusivamente on line, ai concorsi banditi dalla Commissione Interministeriale per l’attuazione del progetto RIPAM per conto di amministrazioni centrali e locali.

Come prima cosa, occorre registrarsi alla piattaforma cliccando su “Registrazione”. La registrazione comporta l’inserimento e la conferma di una serie di dati anagrafici e identificativi (tra cui il codice fiscale) che saranno necessari per una corretta esecuzione della procedura. Dopo aver acconsentito al trattamento dei propri dati personali e completato la registrazione, il sistema invierà in automatico all’indirizzo email indicato una comunicazione che consentirà di attivare il profilo utente.

Con la sola registrazione non si può partecipare al concorso.

Dopo aver effettuato il primo login ed aver modificato la password (modifica richiesta al primo accesso alla piattaforma), si sbloccherà la sezione “Anagrafica Utente” in cui sarà possibile aggiungere i titoli di studio posseduti, necessari per valutare per quale concorso si potrà inviare la domanda.

Per procedere con la compilazione della domanda si dovrà cliccare sul concorso che interessa (ad es. Corso concorso pubblico, Categoria giuridica D, posizione economica D1; Corso concorso pubblico, Categoria giuridica C, posizione economica C1) e quindi cliccare sul pulsante “Compila domanda” del codice di concorso/profilo di interesse.

 

Guida ai concorsi pubblici: posso presentare più domande?

Ci sono concorsi pubblici che si suddividono in più profili. Ciò permette di inviare la candidatura anche per più selezioni, partecipando – in questo modo – a diverse prove. In questo caso, si sottolinea che va  generalmente compilata una domanda per ciascun profilo professionale per il quale si concorre. Ci sono alcune piccole eccezioni in cui, con un’unica domanda, si potrà specificare a quali selezioni si intende partecipare (ad esempio spuntando le caselle dei diversi profili professionali identificati con dei codici numerici o alfabetici).

 

Ricevi tutti gli aggiornamenti sulle pubblicazioni d'interesse


 

Ricevi tutti gli aggiornamenti sulle pubblicazioni d'interesse


Se hai suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivi a blog.simoneconcorsi@simone.it