SPID obbligatorio per l’INPS dal 1° ottobre: cos’è e come si attiva Come avere account SPID obbligatorio

 

Condividi

spid-obbligatorio-come-avere-account

5 min di lettura

SPID obbligatorio dal 1° ottobre: cos’è e come si attiva. Con la Circolare n. 87 del 17 luglio, l’INPS ha comunicato che dal 1° ottobre lo SPID diventa obbligatorio in quanto l’ente non rilascerà più il PIN per accedere ai servizi del sito. Lo SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, è un servizio che consente di ottenere un’identità digitale. In alcuni ambiti (ad esempio quello scolastico o per la fruizione di buoni docente/buoni 18app) è già in uso da un po’. Se vi siete mai chiesti come avere lo SPID, come avere password SPID o come avere account SPID siete nel posto giusto. Ricorda, infine, che lo SPID non serve solo per fruire dei servizi della PA, ma anche per partecipare ai concorsi pubblici.

Per approfondire: leggi anche Come ottenere PIN INPS per fare domanda al concorso

Cos’è lo SPID

SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, è la soluzione che ti permette di accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione e dei soggetti privati aderenti con un’unica Identità Digitale (username e password) utilizzabile da computer, tablet e smartphone. In altri termini, si tratta del nostro alter ego digitale da utilizzare per accedere ai servizi della Pubblica amministrazione per via telematica.

L’utilizzo dello SPID è gratuito.

In genere, anche l’attivazione dello SPID è gratuita.Tuttavia, proprio perché le credenziali SPID possono essere richieste a più soggetti (cd. providers) è possibile che alcuni di essi prevedano un costo per il rilascio dell’identità digitale o per lo svolgimento della procedura di riconoscimento.

Cosa occorre per avere un account SPID?

Per attivare un account SPID occorre:

  • un indirizzo email
  • un numero di cellulare su cui ricevere sms
  • un documento d’identità e tessera sanitaria con codice fiscale.

Spid obbligatorio: come avere le credenziali

Per ottenere l’account SPID è necessario completare l’operazione di riconoscimento. L’attività di riconoscimento, così come spiega il sito ufficiale SPID, può essere completata in tre modalità diverse:

  • di persona;
  • online;
  • via webcam.

Per prima cosa, occorre scegliere un identity provider, ossia un soggetto abilitato dal Governo a rilasciare identità digitali. La scelta può ricadere su uno qualsiasi dei providers.

Il provider più utilizzato è Poste Italiane s.p.a. Clicca qui per vedere l’elenco dei fornitori e consultare i servizi che offrono per l’attivazione SPID.

Alla pagina Richiedi SPID sono fornite tutte le informazioni per completare la procedura.

Chi mi rilascia le credenziali SPID?

Per prima cosa bisogna scegliere un Identity Provider, ossia un sito internet abilitato alla creazione di account SPID. Ve ne sono diversi, alcuni a pagamento ed altri gratuiti, che hanno predisposto procedure per il riconoscimento della persona fisica con l’identità digitale. Sicuramente uno dei provider più utilizzati è Poste Italiane (clicca qui per procedere con l’attivazione).

Alcuni provider offrono tipologie di riconoscimenti diversi, ad es. mediante la webcam o con la firma digitale.

Si ricorda che l’operazione con Poste Italiane è completamente gratuita (a scelta dell’interessato potrà comportare il costo di 14,50€ se si dovesse preferire il riconoscimento a domicilio).

Sarà necessario avviare la registrazione selezionando la modalità preferita: ve ne sono diverse, ad esempio tramite lettore bancoposta, con firma digitale oppure attraverso l’identificazione autonoma (la più comune ed è quella che permette di inserire i vostri dati online e farveli confermare gratuitamente in un qualunque ufficio postale o a domicilio a pagamento).

Quindi l’identity provider può essere scelto a seconda:

  • della modalità di riconoscimento che ti risulta più comoda;
  • dall’eventualità che tu sia già registrato sul sito dell’IP (ad es. Poste Italiane, Aruba);
  • del livello di sicurezza di SPID che ti serve;
  • dalla presenza di procedure semplificate per un cittadino italiano residente all’estero.

Il riconoscimento

Lo scopo ultimo della procedura è associare la vostra identità ad un’identità digitale, quindi l’operatore postale non dovrà far altro che accertare che siate stati voi stessi ad aver effettuato la procedura online di inserimento dei dati anagrafici.
Tenete presente che i dati da inserire sulla piattaforma devono riferirsi ad un documento d’identità in corso di validità.
Dopo aver compilato tutti i campi richiesti, bisognerà fornire:

  • il proprio indirizzo email, su cui ricevere un codice da digitare poi nel campo richiesto
  • il proprio numero di cellulare, su cui ricevere un secondo codice da digitare nel campo richiesto

Dopo aver scelto la password da utilizzare per il vostro nuovo account (dovrà contenere almeno una lettera maiuscola, almeno una minuscola, almeno un numero ed almeno un simbolo), sarà piuttosto semplice seguire le istruzioni a video per la compilazione della pagina. Bisognerà accettare le condizioni generali di contratto in ordine al trattamento dei dati personali ed alle finalità commerciali (secondo le proprie preferenze) e, dopo pochi secondi, vi sarà spedito – tramite email ed sms – il codice  da riferire all’ufficio postale per ultimare l’accertamento dell’identità digitale.

Ci saranno 30 giorni a partire dal completamento della procedura online per concludere l’operazione recandovi in posta. Per rimuovere ogni dubbio, comunque, ciascun identity provider ha predisposto anche manuali e schede di assistenza per la creazione di un account SPID.

 

Ricevi tutti gli aggiornamenti sulle pubblicazioni d'interesse


Se hai suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivi a blog.simoneconcorsi@simone.it