Concorso 15 Agenti di Polizia Locale – Comune di Pavia

 

Concorso nel Comune di Pavia per 15 Agenti di Polizia Locale nella Gazzetta ufficiale del 10 gennaio 2020

Comune di Pavia

Enti Locali (Comuni - Province - Regioni)- Forze di Polizia

Titolo di studio Diploma di Scuola Superiore

Area geografica Lombardia

Provincia Pavia

Gazzetta Ufficiale del 10/01/2020 n 3

Termine di presentazione della domanda 10/02/2020

Date e sedi di esame

Eventuale Preselezione: Lunedì 2 Marzo 2020;
Prova Fisica Attitudinale: Lunedì 9 Marzo 2020;
Prova Scritta: Giovedì 12 Marzo 2020;
Prova Orale: Lunedì 30 Marzo 2020.
Qualora non fosse possibile rispettare il calendario stabilito per sopravvenuti impedimenti organizzativi si provvederà tempestivamente a comunicare le variazioni del calendario direttamente ai candidati, a mezzo mail certificata o non certificata;
Ogni altra informazione potrà essere richiesta al Servizio Personale e Organizzazione del Comune di Pavia – U.O.I. Assunzioni e Gestione del rapporto di lavoro (Tel. 0382/399271-441-437 – e-mail: rgastoni@comune.pv.it – personale@comune.pv.it).

Bando di concorso

Prove

PRESELEZIONE EVENTUALE
Ai sensi dell’art. 15 del vigente Regolamento per l’accesso agli impieghi del Comune di Pavia qualora il numero delle domande valide di partecipazione al concorso fosse superiore a cinquanta potrà essere effettuata una preselezione a test attitudinali consistenti in domande con risposte multiple predeterminate, di cui una sola esatta, da risolvere in un tempo limitato, sulle materie del programma d’esame e/o cultura generale e/o di logica. Durante la prova non sarà consentita la consultazione di alcun testo.

per la preselezione

PROVA FISICA ATTITUDINALE
I candidati dovranno superare tre prove di efficienza fisica come previsto dal Regolamento per l’accesso agli impieghi inerenti il profilo di Agente di Polizia Locale e precisamente:
Per i candidati di sesso maschile sono previste le seguenti attività da eseguirsi in sequenza:

  1. a) Corsa di 1.000 metri da compiersi nel tempo massimo di 4’35”;
  2. b) Salto in alto di una altezza di 100 centimetri da superarsi in un massimo di tre tentativi;
  3. c) 5 sollevamenti alla sbarra continuativi da compiersi nel tempo massimo di 2’00”;

Per i candidati di sesso femminile sono previste le seguenti prove da eseguirsi in sequenza:

  1. a) Corsa di 1.000 metri da compiersi nel tempo massimo di 5’35”,
  2. b) Salto in alto di una altezza di 90 centimetri da superarsi in un massimo di tre tentativi;
  3. c) 2 sollevamenti alla sbarra continuativi da compiersi nel tempo massimo di 2’00”;

In caso di non superamento anche di una sola delle tre prove previste dai commi precedenti, gli aspiranti rispettivamente di genere maschile o femminile dovranno ripetere l’intero ciclo di prove secondo la sequenza sopra stabilita a distanza di almeno 30 minuti dalla precedente.
Nel caso che anche nella seconda sessione l’aspirante non superi anche una sola delle tre prove previste dai commi 2 e 3 (anche se diversa da quella non superata nella prima sessione) sarà dichiarato non idoneo ed escluso dal proseguo del procedimento selettivo.

per la prova scritta e orale

PROVA SCRITTA
La prova scritta, la cui durata – fissata dalla commissione esaminatrice – non sarà superiore alle 3 ore, potrà consistere in una serie di domande a risposte multiple predeterminate, ovvero a risposta sintetica, ovvero nella risoluzione di uno o più casi, ovvero nella predisposizione di un atto del comune attinenti le seguenti materie:

  • Codice della Strada e norme Regolamentari ed attuative, depenalizzazione e sistema sanzionatorio;
  • Legge quadro sull’ordinamento della Polizia Locale e normativa Regione Lombardia in materia di Polizia Locale;
  • Normativa in materia di Polizia Amministrativa e di Pubblica Sicurezza e Regolamento attuativo;
  • Nozioni di diritto penale e di procedura penale con particolare riguardo alle funzioni e all’organizzazione della polizia giudiziaria;
  • Normativa in materia di depenalizzazione (Legge 24/11/1981, n. 689 “Modifiche al sistema penale”);
  • Legislazione su commercio, ambiente ed edilizia; normativa nazionale e regionale;
  • Disciplina sull’immigrazione, normativa antidegrado, testo unico stupefacenti;
  • Normativa in materia di Protezione Civile
  • Normativa in materia di accesso agli atti (L. 07/08/1990, n. 241 e s.m.i.);
  • Testo Unico sul pubblico impiego (D. Lgs. 18/08/2000, n. 267, e s.m.i.);
  • Ordinamento degli Enti Locali (D. Lgs. 30/03/2001, n. 165, e s.m.i.);
  • Elementi di diritto costituzionale e amministrativo con particolare riguardo all’attività della Pubblica Amministrazione;
  • Nozioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (D. Lgs. 09/04/2008, n. 81 e s.m.i.);
  • Normativa in materia di anticorruzione (L. 06/11/2012, n. 190), trasparenza (D. Lgs. 14/03/2013, n. 33) e accesso civico (D. Lgs. 25/05/2016, n. 97);
  • Normativa in materia di tutela e protezione dei dati personali (Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27/4/2016 “Regolamento generale sulla protezione dei dati);
  • Disposizioni in materia di contratti pubblici (D. Lgs. 18/04/2016, n. 50);
  • Codice di disciplina e di comportamento dei dipendenti pubblici.

PROVA ORALE
Colloquio finalizzato ad approfondire conoscenze e capacità professionali vertenti sulle materie della prova scritta, nonché attitudini e competenze in relazione al profilo da ricoprire.
La Commissione si riserva di sottoporre gli aspiranti Agenti di Polizia Locale a verifiche volte ad accertare la conoscenza del territorio e della toponomastica cittadina.
In questa sede sarà altresì effettuato l’accertamento sulla conoscenza della lingua inglese e sull’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse.
I predetti accertamenti di lingua e di informatica non determineranno punteggio, ma solo giudizio di idoneità.

 

Ricevi tutti gli aggiornamenti su questo articolo


Se hai suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivi a blog.simoneconcorsi@simone.it