Esame avvocato: codici commentati ammessi per altri due anni Nel"mille proroghe" ancora una proroga per l'entrata in vigore della riforma dell'accesso alla professione forense

 

Condividi

1 min di lettura

Le ultime riforme sull’accesso allla professione di avvocato hanno creato allarme  tra chi  dovrà sostenere nel prossimo dicembre l’esame di Stato
Le nuove modalità per lo svolgimento dell’esame prevedevano, tra le altre novità, anche l’utilizzo dei soli codici non commentati o annotati con la giurisprudenza e nuovi punteggi da conseguire alle prove scritte. 

In sede di conversione del Decreto Milleproroghe (D.L. 91/2018), il Senato ha approvato l’emendamento 2.15 che  fa slittare in avanti di  ben due anni l’entrata in vigore delle nuove modalità di svolgimento delle prove.
In particolare, l’emendamento apportato è il seguente: 

Dopo il comma 3, aggiungere il seguente:

Art. 2.

«3-bis. All’articolo 49, comma 1, della legge 31 dicembre 2012, n. 247, la parola: ’’cinque’’ sostituita dalla seguente: ’’sette’’».


Non dovrebbero esserci particolari ostacoli all’approvazione finale del testo anche alla Camera. 
Quindi i futuri avvocati potranno contare, per i prossimi due anni,  sull’utilizzo di codici commentati e annotati con giurisprudenza  il che renderò sicuramente più agevole lo svolgimento delle prove.

 

Ricevi tutti gli aggiornamenti sulle pubblicazioni d'interesse


Se hai suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivi a blog.simoneconcorsi@simone.it