Concorso Scuole di Specializzazione per le Professioni Legali Scade il 6 ottobre 2017 il termine per presentare la domanda

 

Condividi

2 min di lettura

<xml>

14.00

Per l’anno accademico 2017-2018 è indetto un concorso pubblico per l’ammissione alle scuole di specializzazione per le professioni legali.

La prova d’esame si svolge il 26 ottobre 2017, presso le università sedi delle scuole di specializzazione per le professioni legali. Sono 3.600 i laureati in giurisprudenza da ammettere alle scuole, ripartiti tra le scuole di specializzazione di tutto il territorio nazionale.

Per partecipare, occorre aver conseguito la laurea in giurisprudenza (vecchio e nuovo ordinamento) in data anteriore al 26 ottobre 2017.

La domanda di partecipazione, compilata secondo il modello predisposto da ciascuna scuola, deve essere presentata presso la scuola di specializzazione per la quale si concorre entro il 6 ottobre 2017.

La prova di esame è unica in tutta Italia e consiste nella soluzione di cinquanta quesiti a risposta multipla, su argomenti di:

diritto civile

diritto penale

diritto amministrativo

diritto processuale civile

diritto processuale penale

entro il tempo massimo di novanta minuti.

Durante la prova non è ammessa la consultazione di testi e di codici commentati e annotati con la giurisprudenza. 

E’ costituita, presso ciascun ateneo, una commissione giudicatrice del concorso, composta da due professori universitari di ruolo in materie giuridiche, da un magistrato ordinario, da un avvocato e da un notaio.

La commissione assicura la regolarità delle prove di esame e può assegnare fino a sessanta punti a ciascun candidato, dei quali cinquanta per la valutazione della prova d’esame, cinque per la valutazione del curriculum e cinque per il voto di laurea.

Sono ammessi alla scuola di specializzazione coloro che, in relazione al numero dei posti disponibili, si siano collocati in posizione utile nella graduatoria compilata dalla commissione giudicatrice. A parità di punteggio è ammesso il candidato più giovane d’età.

Coloro che hanno sostenuto la prova di esame presso una delle sedi indicate collocandosi in soprannumero, possono chiedere l’iscrizione alla scuola presso una qualunque università che abbia posti disponibili.<xml>

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

<xml>


<style>
/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:8.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:107%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;
mso-fareast-language:EN-US;}

 

Ricevi tutti gli aggiornamenti sulle pubblicazioni d'interesse


Se hai suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivi a blog.simoneconcorsi@simone.it