Concorso Dsga 2021: arriva la bozza di decreto per il nuovo bando. Requisiti, prove, materie Tra i concorsi scuola ritorna anche il bando per il Dsga

 

Condividi

concorso-dsga-2021-bando

3 min di lettura

Concorso Dsga 2021: arriva la bozza di decreto per il nuovo bando. Requisiti, prove, materie. É arrivato qualche giorno fa il parere favorevole del CSPI (Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione) sul nuovo concorso Dsga in arrivo che dovrebbe essere bandito a breve. All’attenzione del Consiglio la bozza del decreto che farà da fondamenta al bando 2021 per i Direttori dei Servizi Generali e Amministrativi della scuola. La bozza di decreto, che raccoglie una serie di informazioni utili a giocare d’anticipo sul bando Dsga, rappresenta una vera novità sui tempi da rispettare per le procedure concorsuali: si presume che il nuovo concorso sarà bandito a breve.

Al nuovo concorso ordinario, si aggiungerà anche una procedura dedicata alla stabilizzazione del personale Ata che è attualmente facente funzione Dsga.

Clicca qui o sulla copertina del manuale per inserire la tua email e ricevere una notifica non appena il bando o il manuale saranno pubblicati.

Concorso Dsga 2021: requisiti

Possono partecipare al concorso coloro i quali sono in possesso di uno dei seguenti titoli:

  • Diploma di laurea di vecchio ordinamento in Giurisprudenza, Scienze politiche, sociali o amministrative, Economia e commercio;
  • Diplomi di laurea specialistica (LS) 22, 64, 71, 84, 102, 57, 60, 70, 88, 89, 99;
  • Lauree magistrali (LM) corrispondenti a quelle specialistiche ai sensi della tabella allegata al D.I. 9 luglio 2009.

Nota. É opportuno ricordare che il CSPI ha formalmente richiesto che venga avviato anche un altro concorso Dsga (straordinario) dedicato agli assistenti amministrativi che attualmente stanno svolgendo le funzioni di Dsga che abbiano almeno tre anni di servizio.

Se vuoi unirti alla community Concorsando/Simone, clicca qui per il gruppo Facebook dedicato a questo concorso. 

Cosa prevede il concorso Dsga

Salvo modifiche dell’ultimo minuto, il concorso prevede: una prova scritta e una prova orale a cui si aggiungerà poi una valutazione di titoli di servizio, di studio e professionali.

A differenza dell’ultimo concorso Dsga 2018, non è più prevista la prova preselettiva.

La prova scritta, che prevede lo svolgimento di 60 quesiti in 120 minuti, si svolgerà in sedi decentrate e sarà computer based.

Per quanto riguarda i punteggi da assegnare, la Commissione disporrà di 150 punti di cui:

  • 60 per la prova scritta;
  • 60 per la prova orale;
  • 30 per i titoli.

Le materie da studiare

Ecco l’elenco delle materie da studiare:

  • Diritto Costituzionale e Diritto Amministrativo con riferimento al diritto dell’Unione europea n. 5 quesiti;
  • Diritto civile n. 4 quesiti;
  • Contabilità pubblica con particolare riferimento alla gestione amministrativo contabile delle istituzioni scolastiche n. 18 quesiti;
  • Diritto del lavoro, con particolare riferimento al pubblico impiego contrattualizzato, n. 10 quesiti;
  • Legislazione scolastica n. 8 quesiti;
  • Ordinamento e gestione amministrativa delle istituzioni scolastiche autonome e stato giuridico del personale scolastico n. 12 quesiti;
  • Diritto penale con particolare riguardo ai delitti contro la Pubblica Amministrazione n. 3 quesiti.

La prova orale

La prova orale, volta ad accertare la preparazione professionale del candidato, consiste in:

  • un colloquio sulle materie d’esame e sulle capacità di risolvere un caso riguardante la funzione di DSGA;
  • una verifica della conoscenza degli strumenti informatici e delle TIC di più comune impiego;
  • una verifica della conoscenza della lingua inglese attraverso la lettura e traduzione di un testo scelto dalla Commissione.

Come rimanere aggiornati sul concorso Dsga

Clicca qui o sulla copertina del manuale per inserire la tua email e ricevere una notifica non appena il bando o il manuale saranno pubblicati.

 

    Ricevi tutti gli aggiornamenti sulle pubblicazioni d'interesse


    Se hai suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivi a blog.simoneconcorsi@simone.it