• 16/11/2017
  • La Normale di Pisa apre a Napoli e la Bocconi a Roma

  • Nuove sedi, nuove facoltà e confederazioni per varie e prestigiose Università italiane
  • E’prevista per il 2018 l’apertura a Napoli di una sede della Normale di Pisa, più precisamente in Via Mezzocannone, zona storicamente dedicata agli Istituti Universitari.
    Tre i corsi inizialmente disponibili: 
    • blue economy (acquacoltura, pesca, biotecnologie marine, turismo marittimo)
    • ingegneria del rischio
    • valorizzazione dei beni culturali.
    La Normale, inoltre, avrà cura del sito archeologico di Pompei, applicando i più avanzati standard scientifici e tecnologici a questo scopo.
    L’Università Bocconi, invece, offrirà agli aspiranti manager laureati prestigiosi master in Business Administration nella sua nuova sede di Roma, in aperta concorrenza con la LUISS Guido Carli.
    Il primo Master: “Executive Mba” partirà il 4 maggio 2018 e si svolgerà in week end alternati per una durata di 20 mesi, con 280 sessioni in aula.
    La Ca’ Foscari di Venezia, invece, ha inaugurato l’innovativo corso triennale in “Digital Management”, per 90 studenti, nella futuristica sede della H-Farm a Ca’ Tron, in provincia di Treviso, ampliando con ben tre cattedre la sua offerta formativa.
    Alcune Università, inoltre, stanno sperimentando la confederazione: la Normale di Pisa, ad esempio, si è unita alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e all’Istituto di Studi Superiori di Pavia (Iuss), assicurando alle matricole gli stessi corsi di studio ad altissimo standard qualitativo.
    Anche le quattro Università dell’Emilia Romagna: Bologna, Parma, Ferrara e Modena Reggio hanno creato la Muner (Motorvehicle University of Emilia-Romagna).
    La Muner offre diversi corsi di studio e master in ambito ingegneristico, in lingua inglese, anche in partnership con Ferrari, Lamborghini, Maserati, Ducati, Dallara, Magneti Marelli, Toro Rosso e High performance engineering.
    Questa alleanza fra gli Atenei più prestigiosi dovrebbe garantire un percorso di studi di eccellenza ad un numero sempre maggiore di studenti, in modo da arginare le migrazioni da una regione all’altra o addirittura oltre i confini nazionali.
     
  •  
  • Fabiola Melone
     
  • Condividi sul tuo social
  •