• 05/12/2018
  • Novità dalla Corte Costituzionale

  • La Corte Costituzionale interviene sulla confisca per equivalente e sulla legge fallimentare
  • Con due recenti sentenze la Corte Costituzionale interviene sulla confisca per equivalente e sulla legge fallimentare.

    Con la sentenza  223/2018 ha dichiarato la illegittimità costituzionale dell’art. 9, comma 6 della legge comunitaria 2004 nella parte in cui stabilisce che la confisca per equivalente prevista dall’art. 187-sexies del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 (Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, ai sensi degli articoli 8 e 21 della legge 6 febbraio 1996, n. 52), si applica, allorché il procedimento penale non sia stato definito, anche alle violazioni commesse anteriormente alla data di entrata in vigore della stessa legge n. 62 del 2005, quando il complessivo trattamento sanzionatorio conseguente all’intervento di depenalizzazione risulti in concreto più sfavorevole di quello applicabile in base alla disciplina previgente. 

     

    Con la  sentenza  222/2018 ha dichiarato la illegittimità costituzionale dell’art. 216, ultimo comma della legge fallimentare  nella parte in cui dispone: «la condanna per uno dei fatti previsti dal presente articolo importa per la durata di dieci anni l’inabilitazione all’esercizio di una impresa commerciale e l’incapacità per la stessa durata ad esercitare uffici direttivi presso qualsiasi impresa», anziché: «la condanna per uno dei fatti previsti dal presente articolo importa l’inabilitazione all’esercizio di una impresa commerciale e l’incapacità ad esercitare uffici direttivi presso qualsiasi impresa fino a dieci anni».

     
  •  
  • Maria Francesca Mazzitelli
     
  • Se avete suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivete a blog.simoneconcorsi@simone.it
  • Condividi sul tuo social
  •