• 30/01/2019
  • Condividi sul tuo social
  • Concorso IVASS: 15 esperti in discipline giuridiche

  • Pubblicato il bando in Gazzetta Ufficiale per 15 esperti all’IVASS
  • Sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 del 29 gennaio, l’IVASS - autorità indipendente per il mercato assicurativo - ha pubblicato un bando di concorso per l’assunzione di 15 esperti con orientamento nelle discipline giuridiche da inquadrare nell'area professionale/manageriale e con livello retributivo 1.
    L’IVASS, Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni, è un ente dotato di personalità giuridica di diritto pubblico che opera per garantire l’adeguata protezione degli assicurati perseguendo la sana e prudente gestione delle imprese di assicurazione e riassicurazione e la loro trasparenza e correttezza nei confronti della clientela.
    L’Istituto persegue altresì la stabilità del sistema e dei mercati finanziari.

    Requisiti: chi può partecipare al concorso IVASS

    Accanto ai classici requisiti richiesti per partecipare ad un concorso pubblico, come titolo di studio si richiede la laurea magistrale o specialistica, conseguita con un punteggio di almeno 100/110 in giurisprudenza (LMG/01 o 22/S) o altra laurea equiparata ai sensi del D.M. 9 luglio 2009 o un diploma di laurea di vecchio ordinamento con medesima votazione. La domanda potrà essere presentata, tramite il sito web www.ivass.it, entro il 7 marzo. 

    Concorso IVASS: le prove

    Nel caso in cui dovessero essere presentate più di 1000 domande, l’IVASS procederà ad una preselezione per soli titoli (non esami e quindi non in presenza dei candidati) a cui si accederà con il proprio titolo di laurea ed eventuali master, dottorati di ricerca e diploma di scuola di specializzazione alle professioni legali.
    I punteggi attribuibili ai singoli titoli, dettagliati all’art. 4 del bando di concorso, formeranno una graduatoria che consentirà ai primi 1000 classificati di partecipare alla prova scritta.

    Il concorso vero e proprio si articola in una prova scritta, nella valutazione dei titoli di merito e in una prova orale. Il calendario e il luogo di effettuazione della prova scritta sono resi noti tramite avviso nella Gazzetta Ufficiale di un martedì o venerdì dei mesi di aprile o maggio.
    Tra i titoli valutabili è prevista anche un’esperienza professionale presso la Banca d’Italia ed altre autorità amministrative indipendenti

    La prova scritta prevede lo svolgimento di tre elaborati in forma sintetica sulle materie indicate dall’allegato al bando di concorso che comprendono diritto delle assicurazioni, diritto civile, elementi di diritto commerciale e diritto amministrativo. Alla prova orale si aggiungerà anche il diritto processuale civile. 

     
  •  
  • Alessio Caiaffa
     
  • Se avete suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivete a blog.simoneconcorsi@simone.it
  • Condividi sul tuo social
  •