• 28/03/2018
  • 8000 VFP1 nell’Esercito Italiano

  • Domande di partecipazione fino al 6 luglio 2018
  •  

    Il Ministero della difesa ha pubblicato un bando di reclutamento, per il 2018, di 8000 volontari in ferma prefissata di un anno (VFP1) nell’Esercito Italiano.

     

     

     

    I requisiti richiesti sono:

    • cittadinanza italiana; 
    • godimento dei diritti civili e politici
    • avere fra i 18 e i 25 anni
    • non essere stati condannati e non essere imputati in procedimenti penali per delitti non colposi; 
    • non essere stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall'impiego in una PA
    • aver conseguito il diploma di istruzione secondaria di primo grado (ex scuola media inferiore). 
    • non essere stati sottoposti a misure di prevenzione; 
    • aver tenuto condotta incensurabile e comportamenti idonei nei confronti delle istituzioni democratiche 
    • possedere l’idoneità psico-fisica e attitudinale per l'impiego nelle Forze armate 
    • ottenere esito negativo agli accertamenti diagnostici per l'abuso di alcool e per l'uso, anche saltuario od occasionale, di sostanze stupefacenti o psicotrope a scopo non terapeutico; 
    • non essere in servizio quali volontari nelle Forze armate.

    La procedura di reclutamento sarà gestita tramite il portale del Ministero della Difesa.

    La domanda di partecipazione va presentata on line, registrandosi al sito del Ministero, dove saranno rese pubbliche tutte le informazioni relative al concorso.

    I blocchi di incorporamento sono quattro:

    1° blocco, con prevista incorporazione nel mese di maggio 2018 (2.000 posti)

    2° blocco, con prevista incorporazione nel mese di settembre 2018 (2.000 posti)

    3° blocco, con prevista incorporazione nel mese di novembre 2018 (2.000 posti)

    4° blocco, con prevista incorporazione nel mese di febbraio 2019 (2.000 posti)

    Per i diversi profili professionali dei vari blocchi di incorporamento, i termini per presentare la domanda di partecipazione variano a seconda della data di nascita del candidato, come indicato all’art. 1 del bando.

    I candidati saranno sottoposti a prove di efficienza fisica e accertamenti psico-fisici e attitudinali, in varie sedi indicate nel bando.

    Possono partecipare al concorso anche i VFP 1 in servizio, ovvero quelli in rafferma annuale, quelli prosciolti a domanda o per inidoneità' psico-fisica nel periodo di rafferma ovvero in congedo per fine ferma. 

    Ai vincitori del concorso saranno riservati alcuni posti messi a concorso nelle carriere iniziali delle Forze di Polizia a ordinamento militare e civile.

    Per ogni informazione, si può visitare la pagina dedicata al concorso, sul sito del Ministero della Difesa.


     
  •  
  • Fabiola Melone
     
  • Se avete suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivete a blog.simoneconcorsi@simone.it
  • Condividi sul tuo social
  •