• 28/09/2017
  • Concorso 1.148 allievi agenti in Polizia: rinvio prova di efficienza fisica e successivi accertamenti

  • Il 27 ottobre il diario delle convocazioni
  •  
    Era attesa per il 25 settembre appena trascorso, ma la pubblicazione del diario per le convocazioni della prova di efficienza fisica e dei successivi accertamenti psico-fisici e attitudinali del concorso per 1.148 allievi agenti in Polizia (G.U. n. 40 del 26 maggio 2017) è stata rinviata al prossimo 27 ottobre, come da apposito comunicato comparso sul sito ufficiale della Polizia di Stato lunedì scorso.
    Lo slittamento è dovuto al fatto che la Commissione esaminatrice per l’elaborazione della graduatoria della prova scritta è ancora al lavoro, ma probabilmente la notizia non dispiacerà a coloro che hanno superato il primo step concorsuale, perché così avranno più tempo a disposizione per prepararsi efficacemente alle successive prove previste dal bando (per il bando completo clicca qui).
     
    La prima di queste sarà costituita dalla prova di efficienza fisica, consistente nei seguenti esercizi ginnici, da superare in sequenza:
     
    • corsa 1.000m: da svolgere in un tempo massimo di 3 minuti e 55 secondi per gli uomini, 4 minuti e 55 secondi per le donne;
    • salto in alto: 1,20m per gli uomini e 1m per le donne, con non più di tre tentativi;
    • sollevamenti alla sbarra: 5 per gli uomini e 2 per le donne, continuativi in un tempo massimo di 2 minuti.
     
    Il mancato superamento anche di uno solo dei suddetti esercizi determinerà l’esclusione dal concorso per inidoneità. I concorrenti dovranno presentarsi alla prova muniti non solo di adeguato abbigliamento sportivo, ma anche di un certificato di idoneità sportiva agonistica per l’atletica leggera in corso di validità (conforme al decreto del Ministero della Sanità del 18 febbraio 1982 e successive modifiche), rilasciato da medici appartenenti alla Federazione Medico Sportiva Italiana o, comunque, a strutture sanitarie pubbliche o private convenzionate, in cui esercitino medici specialisti in “medicina dello sport”.
     
    Superata la prova di efficienza fisica, verranno svolti gli accertamenti psico-fisici, a loro volta consistenti in un esame clinico generale e in varie prove strumentali e di laboratorio; si faccia particolare attenzione alla documentazione sanitaria da esibire in quella sede (specificata dettagliatamente all’art. 14 del bando), come pure si ricordi che, per quanto attiene ai requisiti da accertare, al candidato sono richiesti, a pena di inidoneità:
     
    • sana e robusta costituzione fisica;
    • composizione corporea: percentuale di massa grassa nell’organismo non inferiore al 7% e non superiore al 22% per gli uomini; non inferiore al 12% e non superiore al 30% per le donne;
    • forza muscolare: non inferiore a 40kg per gli uomini e a 20kg per le donne;
    • massa metabolicamente attiva: percentuale di massa magra teorica presente nell’organismo non inferiore al 40% per gli uomini e al 28% per le donne;
    • senso cromatico e luminoso normale, campo visivo normale, visione notturna sufficiente, visione binoculare e stereoscopica sufficiente. Visus naturale non inferiore a 12/10 complessivi quale somma del visus dei due occhi, con non meno di 5 decimi nell’occhio che vede meno, ed un visus corretto a 10/10 per ciascun occhio per una correzione massima complessiva di una diottria quale somma dei singoli vizi di rifrazione.
     
    Costituiscono, altresì, cause di inidoneità per l’assunzione nella Polizia di Stato le imperfezioni e le infermità elencate nella tabella 1 allegata al D.M. 30 giugno 2003, n. 198. I giudizi della Commissione per l’accertamento dei requisiti psico-fisici sono definitivi e comportano l’esclusione dal concorso, in caso di inidoneità del concorrente.
    I candidati risultati idonei ai suddetti accertamenti psico-fisici saranno infine sottoposti alle prove attitudinali, le quali, volte ad accertare l’idoneità allo svolgimento dei compiti connessi con l’attività propria del ruolo e della qualifica da rivestire, consistono in una serie di test, predisposti da istituti pubblici o privati specializzati, sia collettivi che individuali, approvati con decreto, nonché in un colloquio psicologico-motivazionale. Anche in questo caso i giudizi della Commissione esaminatrice saranno definitivi e comporteranno, in caso di accertata inidoneità, l’esclusione dal concorso.
     
     
    Per ottimizzare la preparazione alla prova di efficienza fisica e ai successivi accertamenti psico-fisici e attitudinali si consiglia il seguente volume:
     
     
    • Indicazioni e suggerimenti per la preparazione
    • Le prove fisiche del concorso
    • Cause patologiche di non idoneità
    • I test della personalità nelle selezioni in Polizia
    • Modalità di svolgimento del colloquio
    • Test attitudinali svolti e commentati 
     
  •  
  • Nunzio Silvestro
     
  • Condividi sul tuo social
  •