Il traffico illecito di rifiuti

 

Condividi

1 min di lettura

L’art. 452-quaterdecies c.p. punisce le “attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti”.

Il reato è abituale proprio e si consuma con la cessazione dell’attività.

L'”ingiusto profitto” può consistere non soltanto in un ricavo patrimoniale, ma anche nel vantaggio conseguente alla mera riduzione dei costi aziendali o nel rafforzamento di una posizione all’interno dell’azienda.

Per approfondimenti:

https://drive.google.com/drive/folders/1ZFmGxuzpbYCRyZmwreesbDe3dFvRNfoY?usp=sharing

https://archiviodpc.dirittopenaleuomo.org/upload/4725-galanti2018b.pdf

 

Ricevi tutti gli aggiornamenti sulle pubblicazioni d'interesse


Se hai suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivi a blog.simoneconcorsi@simone.it